Facebook Twitter Gplus E-mail RSS
magnify
Home Regolamento Privacy UE 679/2016 GDPR: il chiarimento definitivo sulla proroga del 21 agosto
formats

GDPR: il chiarimento definitivo sulla proroga del 21 agosto

privacy

Regna confusione sul GDPR dopo la notizia di una proroga al 21 agosto 2018. Con questo articolo vogliamo fare chiarezza una volta per tutte, in maniera semplice.

Il GDPR è effettivamente in vigore.

Occorre aver presente che la Nuova Legge Europea sulla Privacy (GDPR) è in vigore a tutti gli effetti, andando a sostituire -di fatto- la precedente normativa nazionale.

Non è vero, quindi, che il termine per mettersi in regola è stato spostato al 21 agosto. Perciò l’informazione più importante è che il GDPR ha fatto ufficialmente il suo ingresso, scalzando il vecchio D.lgs 196/2003, comportando l’obbligo di adeguamento per chiunque tratti dati personali.

La proroga concerne il decreto di adeguamento nazionale

Il GDPR è una normativa europea. Le leggi sovranazionali sono “superiori” a quelle nazionali e -in linea generale- le sostituiscono. Questo significa che se l’Italia aveva una sua normativa sulla privacy (D.lgs 196/2003) ora questa viene “scalzata” dalla legge europea.

All’interno di una normativa internazionale, però, ci possono essere dei margini di autonomia per i singoli stati, permettendo così un’allineamento della legge secondo le peculiarità nazionali.

Nella fattispecie, il GDPR al capo IX e agli articoli 8 e 9 prevede la possibilità che la legge nazionale disciplini parte del quadro normativo previsto dal GDPR.

Sono quindi gli Stati che, per la sola parte della legge internazionale che può essere disciplinata autonomamente, devono creare norme di adeguamento. L’Italia non l’ha ancora fatto, spostando il termine al 21 agosto del 2018.

Ciò è stato possibile grazie alla legge 25 ottobre 2017 n.163 che al comma 13 dice esplicitamente che il governo può adottare entro 6 mesi dalla pubblicazione della legge di delega, un decreto legislativo di adeguamento al GDPR. Questo termine è prorogato di ulteriori 3 mesi da un’altra legge, e cioè la n. 234 del 2012.

La vecchia legge nazionale non può più essere applicata

Con la proroga del decreto di adeguamento, l’effetto è che la vecchia legge nazionale in materia di privacy è sostituita completamente dal GDPR, perché non può più essere applicata.

Significa che la Normativa Europea in materia di Privacy è perfettamente valida in attesa che entro il 21 agosto l’Italia indichi, per le parti in cui ha autonomia, come intende adeguarsi.

Occorre essere in regola col GDPR

Non è corretto dire, dunque, che i termini per essere in regola col GDPR sono spostati al 21 agosto 2018 ma era necessario farlo entro il 25 maggio, ed è ancor più urgente allinearsi ora.

controlli sono perfettamente possibili, così come le sanzioni (anche se c’è da dire che la misura sanzionatoria è incerta per mancanza di giurisprudenza e di una normativa nazionale. Tuttavia l’incertezza non si traduce in impossibilità).

Mettiti in regola col nostro Servizio Privacy

Uno strumento facile, sicuro ed economico per metterti in regola subito col GDPR è il Servizio Privacy di ReGold.

Con noi puoi:

  • Riunire in un unico servizio tutto ciò che ti serve per essere in regola
  • Allinearti alla normativa in modo semplice e veloce
  • Produrre tutta la documentazione necessaria
  • Avere ReGold come Responsabile per la protezione dei dati
  • Parlare con operatori che ti seguono passo dopo passo aiutandoti in ogni tuo bisogno
  • Ottenere assistenza telefonica sempre disponibile
  • Essere costantemente aggiornato. Non sei tu che ti devi ricordare, siamo noi a farlo

Insomma, non ti resta che visitare il sito oppure chiamare lo 02/61299211.

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
2 Comments  comments 

2 Responses

  1. gentili, sarei interessata a regolarizzare la posizione della Nostra agenzia, volevo sapere se voi vi occupate anche del collegamento alla privacy del nostro sitoi

    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × due =